Accademia di Kinesiologia

Sono attualmente aperte le iscrizioni al Corso 'Tecniche e Strategie per l'Apprendimento e la Memorizzazione' del prossimo 17 dicembre, al Corso 'Kinesiologia Cyberkinetics - Module 2' del prossimo 20 - 21 gennaio, al Corso 'Kinesiologia e Cervello' del prossimo 27 gennaio - 25 marzo e all'Evento Master di Kinesiologia 2018 a Roma...

        Kinesiologia e Allergie o Intolleranze

 

Home Page
Pagina Superiore
Dicono di noi...
Media
Responsabili
Panorama Corsi
Calendario Corsi
E.C.M.
Terapie Naturali
Sede Centrale
Sede Esterna
Richiesta info
Link
Congressi
Convenzioni
Federazione
Contatti
Info Cookie

 

La Kinesiologia offre risorse preziose per la individuazione precisa di allergie o intolleranze a fattori quali i pollini o gli alimenti, ma soprattutto per una loro efficace risoluzione generale.

Gli ultimi decenni hanno visto un incremento drammatico in tutto il mondo occidentale degli attacchi rivolti al nostro organismo, ed in particolare al nostro Sistema Immunitario, da parte di una serie sempre più ampia di fattori nocivi in precedenza sconosciuti.

Il progressivo inquinamento dell’aria e delle falde acquifere, l’impoverimento nutrizionale e l’aumento di sostanze tossiche comunemente presenti nei cibi (quali pesticidi, antibiotici, ormoni, fertilizzanti chimici e metalli pesanti, senza contare l’incognita OGM), l’incremento nell’utilizzo dei farmaci di sintesi con i relativi effetti collaterali nocivi, la esposizione continua a campi elettromagnetici sempre più intensi (acutizzatasi dopo l’introduzione della telefonia cellulare), unitamente ad uno stile di vita in cui spesso i valori umani di fondo sembrano segnare il passo di fronte alle esigenze prodotte dallo stress individuale, hanno necessariamente determinato conseguenze anche a livello della funzionalità organica generale.

Sono così aumentate significativamente le allergie e le intolleranze presenti nella popolazione, salite in Italia del 50% nel giro di soli 15 anni, con più di 10 milioni di italiani sofferenti.

Ecco sorgere allora reti di monitoraggio, ove centri muniti degli appositi "pollen-trap" si prodigano per catturare perlomeno gli aeroallergeni colpevoli della insopportabile "pollinosi" (e si sta parlando semplicemente di polline, quella polverina che da sempre permette alle piante di riprodursi e di continuare a ricoprire di fiori la Terra), e il conseguente sviluppo di una serie pressoché infinita di vaccini per cercare di rispondere alle individuali esigenze.

Ciò che sembra sfuggire ad una tale valutazione del fenomeno è che esso va ricondotto fondamentalmente ad semplice ruolo di "sintomo", e non di problema in sé. Il problema infatti qui non è il polline, bensì la incapacità della persona, o per meglio dire del suo Sistema Immunitario così logorato dai vari fattori precedentemente considerati, di riconoscere e rispondere in maniera appropriata ad un fattore neutro qual è il polline (ad esempio). Sopprimere di per sé tale risposta incongrua con i mezzi prima considerati non indirizza il problema generale del Sistema Immunitario, né lo allevia (anzi spesso lo compromette ancora di più).

Il parallelo sviluppo delle "intolleranze alimentari", ormai così diffuse, è riconducibile a motivazioni analoghe. E in tale caso specifico, se è vero che riconoscere il fattore a cui si è intolleranti (e in tal senso il Test Muscolare Kinesiologico rimane unico nella sua praticità e precisione) può di per sé permettere alla persona di evitarne o limitarne per quanto possibile il contatto, rimane il fatto che anche in questo caso il senso reale di tale "sintomo" rimane perlopiù incompreso.

Quando si parla di alimentazione, l’attenzione è sempre posta sui fattori usuali: lipidi, carboidrati, fibre, eccetera. Non viene pressoché mai considerato il ruolo probabilmente più importante e sorprendente della digestione, legato a filo doppio con il Sistema Immunitario: la capacità di trasformare il "non sé" in "sé". Se infatti la carne, la verdura, il formaggio nel mio piatto contengono cellule il cui DNA è ben diverso dal mio, alla fine della digestione ogni singola cellula avrà acquisito il mio stesso individuale codice genetico. E parliamo di un lavoro di straordinaria sottigliezza, operato con rapidità e precisione su miliardi di cellule.

Una intolleranza alimentare di qualsiasi tipo non può, quindi, che essere considerata come il sintomo di una deficienza del Sistema Immunitario, il quale in tal modo reclama la nostra attenzione e il nostro sostegno.

Per tali motivi in un trattamento kinesiologico l’obiettivo è e rimane la persona nella sua interezza, in modo da poter riequilibrare i vari e differenti fattori che creano scompenso al suo Sistema Immunitario, che siano essi di tipo biochimico, fisico, emotivo, energetico, o una loro combinazione. Grazie al suo approccio eclettico e alla vasta gamma di tecniche disponibili, unite alla precisione di indagine fornita dal Test Muscolare Kinesiologico, la Kinesiologia rimane uno degli approcci più efficaci per una effettiva risoluzione di tale tipo di disagi, privilegiando il pieno benessere personale anziché la semplice eliminazione del sintomo.

© 2003 - Dr. Diego Vellam - Accademia di Kinesiologia

 

ritorno a inizio pagina



 

Home Page • Pagina Superiore

 

Copyright © 2000 Accademia di Kinesiologia
Numero di Partita I.V.A.: 03133180962
Sito aggiornato il: 05 dicembre 2017