Accademia di Kinesiologia

Sono attualmente aperte le iscrizioni al Corso 'Alla Ricerca dell'Eccellenza - 2018' del prossimo 23 - 24 giugno e al Corso 'Applicare la Kinesiologia - Summer Intensive' del prossimo 18 agosto - 9 settembre...

        Radio Koper Capodistria - RTV Slovenija, gennaio 2004

 

Home Page
Pagina Superiore
La Kinesiologia
Test Kinesiologico
Quantico
Dicono di noi...
Responsabili
Calendario Corsi
Panorama Corsi
E.C.M.
Terapie Naturali
Sede Centrale
Sede Esterna
Media
Articoli
Richiesta info
Link
Congressi
Federazione
Convenzioni
Contatti
Privacy
Info Cookie

 

 

 

Intervista su Radio Koper Capodistria - RTV Slovenija del 14.01.04 - File Audio MP3

 

Trascrizione della intervista radiofonica

rilasciata dal Dr. Diego Vellam a 

Radio Koper Capodistria - Radio Televizija Slovenija

il 14 gennaio 2004

 

Radio Koper: Oggi nel nostro spazio di attualità parliamo di benessere, in particolare di Kinesiologia, un’Arte rivolta alla nostra salute. Che cos’è la Kinesiologia, a che cosa serve? Ecco, a queste e ad altre domande ci risponderà Diego Vellam, Responsabile della Accademia di Kinesiologia di Milano, che abbiamo al telefono. Buongiorno, e grazie di essere oggi qui con noi.

Diego Vellam: Buongiorno a lei e grazie a voi, naturalmente, per l’ospitalità.

Radio Koper: Che cos’è la Kinesiologia?

Diego Vellam: La domanda è molto breve e molto semplice, e la risposta non necessariamente è altrettanto diretta. Nel senso che la Kinesiologia in un certo senso può esser detta una forma di comunicazione. È un’Arte Terapeutica, quindi il suo scopo è quello di restituire o consolidare comunque il benessere della persona. La Kinesiologia fa ciò attraverso una modalità di comunicazione molto particolare, che si chiama normalmente Test Muscolare Kinesiologico. Questo è particolarmente affinato all’interno della Disciplina Kinesiologica, e permette di evidenziare degli aspetti, terapeutici o altro, che la persona mantiene a livello non consapevole, a livello non conscio. Quindi attraverso, in pratica, delle variazioni in quello che è il tono muscolare che la persona mostra all’operatore, normalmente in relazione a dei muscoli specifici, si vengono a individuare, a recepire delle informazioni sia relative allo stato di disagio della persona, sia relative alle modalità più appropriate per risolvere questo stato di disagio. Per questo motivo dicevo che, in un certo senso, la Kinesiologia è una forma di comunicazione, particolare. Naturalmente, è una forma di comunicazione comunque finalizzata a un ambito terapeutico, rivolta comunque al benessere della persona.

Radio Koper: Ecco, se non erro, la Kinesiologia nasce a metà degli anni ’60, è vero?

Diego Vellam: Sì, la Kinesiologia normalmente, appunto, viene fatta nascere in quel  periodo. C’è un riferimento personale, che è appunto il Dr. George Goodheart Jr., che con notevoli capacità di sintesi ha individuato per primo quelle che erano alcune… beh, diciamo che Goodheart ha messo insieme alcune cose che erano già disponibili, ma che nessuno aveva visto in quella luce, come spesso succede con le innovazioni, e questo contraddistingue naturalmente un po’ il genio, cioè il fatto di vedere qualcosa da un punto di vista diverso da quello da cui è stato visto fino a quel momento. Quindi lui ha notato che utilizzando dei test muscolari, quindi legati alla espressione della potenza del muscolo, su muscoli particolari, era in grado di stabilire delle correlazioni fra alcune, chiamiamole così con termine oggigiorno improprio, debolezze muscolari di alcune persone e quelli che erano i disagi che esse presentavano. Quindi da lì, da questa correlazione iniziale tra squilibrio del muscolo e disagio presentato dalla persona, ha approfondito la cosa e ha avuto modo naturalmente di introdurre molti altri elementi. Una cosa che è molto importante, che va ricordata e che è un po’ un corollario di quello che avevo accennato prima, è che in questo ambito di comunicazione della Kinesiologia non c’è alcuna distinzione tra quello che è l’aspetto fisico - strutturale della persona o quelli che sono altri aspetti che costituiscono comunque l’individuo: la sua parte energetica, la sua parte emozionale, la sua componente mentale, eccetera. Quindi in Kinesiologia è implicito il fatto di lavorare con la persona in toto, e quindi guardare qualsiasi disagio che la persona presenti o manifesti nella complessità dell’individuo stesso, nei suoi differenti aspetti.

Radio Koper: E comunque la Kinesiologia viene applicata anche in altri ambiti, ad esempio contro allergie, asma, depressione, intolleranze alimentari, stress e tanti altri.

Diego Vellam: Sì, la lista è pressoché infinita, in effetti, e anche come Accademia di Kinesiologia noi abbiamo sviluppato vari Corsi che sono mirati appunto ad applicazioni potrei dire un po’ 'settoriali' della Kinesiologia, proprio per praticità di chi li segue. La grandissima ecletticità della Kinesiologia posa fondamentalmente su quello che ho accennato prima, cioè la Kinesiologia va a lavorare sulla persona in toto, quindi sostanzialmente va a stabilire una comunicazione ottimale con il sistema della persona al fine di individuare e risolvere quelli che sono gli impedimenti al benessere stesso della persona. Quindi diventa quasi un aspetto secondario se questo disagio è uno stato depressivo, piuttosto che un dolore muscolare, piuttosto che una (come lei diceva giustamente) intolleranza alimentare o qualsiasi altra cosa, perché, comunque sia, è un disagio che si manifesta da parte del sistema di quella persona, ed è al sistema della persona che la Kinesiologia fa comunque riferimento. Questo tra l’altro è particolarmente affascinante anche da un punto di vista culturale, perché utilizzando la Kinesiologia all’interno del processo terapeutico vengono individuate, vengono evidenziate delle strade, dei percorsi terapeutici appunto all’operatore, attraverso quel Test Kinesiologico di cui si parlava prima, che all’operatore stesso (e a me sicuramente in moltissime occasioni) appaiono sorprendenti, appaiono strani, appaiono quasi fuori luogo, e poi però si rivelano di fatto nella pratica assolutamente efficaci per quella persona specifica. Quindi è anche un’opportunità direi rara di adattare proprio sulla misura della persona specifica, dell’individuo specifico quello che può essere un percorso di guarigione, per quale che sia il disagio.

Radio Koper: Quindi si può dire che una visita di Kinesiologia può prevenire vari malanni.

Diego Vellam: Sicuramente sì, c’è un aspetto educativo estremamente importante. Diciamo che anche come Accademia di Kinesiologia l’accento è posto su due versanti fondamentali: uno, l’applicazione professionale nell’ambito terapeutico, in cui la Kinesiologia da sola o come utilissimo complemento di altre Discipline Terapeutiche veramente offre degli strumenti eccezionali. Ma c’è un altro aspetto fondamentale, come diceva lei giustissimamente, per quel che riguarda la prevenzione e l’educazione al benessere. Ci sono delle tecniche che possono essere apprese in un fine settimana, o anche in un corso di una singola giornata, che sono utilissime da usare per sé stessi oppure nell’ambito familiare, per i propri figli, per i propri cari, e quindi, anche se possono apparire limitate queste tecniche specifiche nella loro efficacia, se vengono svolte con una relativa regolarità (relativa regolarità significa farle una, due volte alla settimana), nell’arco del tempo veramente riescono a creare un cambiamento nella persona in positivo veramente eccezionale. Quindi sono delle abitudini terapeutiche che sarebbe utile che chiunque apprendesse per utilizzarle per sé e per gli altri.

Radio Koper: Voi nella Accademia, oltre alla Kinesiologia, offrite anche altre Terapie Naturali, vero?

Diego Vellam: Sì, la Kinesiologia è una disciplina che può essere svolta in sé in maniera autonoma, ma si presta moltissimo a essere anche un valido supporto per altri tipi di Terapie. Noi utilizziamo per esempio nei nostri trattamenti Naturopatia, Terapia Craniosacrale, Terapia della Polarità, Tecnica di Organizzazione Neurologica, Tecnica di Integrazione Neurostrutturale (che è la Tecnica di Bowen). Utilizziamo Suonoterapia, utilizziamo dei Massaggi Specifici e utilizziamo varie altre Tecniche. La cosa interessante è che apprendere anche solo delle basi di Kinesiologia, delle basi di un utilizzo corretto del Test Kinesiologico, permette all’operatore di meglio amministrare quelle che sono le sue competenze terapeutiche, cioè di scegliere tra i vari approcci possibili che ha a disposizione quelli che meglio si adattano alla persona in quel momento, alla persona e al disagio che essa manifesta in quel momento. Questo è un vantaggio enorme che, credo, se fosse meglio compreso da molti operatori li porterebbe a cercare di approfondire quanto prima un utilizzo corretto del Test Kinesiologico. La Accademia di Kinesiologia è sorta fondamentalmente sulla base di una constatazione: ormai da molto tempo la Kinesiologia come disciplina è diventata talmente ricca e complessa che va al di là di quello che può essere gestito o conosciuto direttamente da una singola persona. Quindi il discorso non è tanto conoscere o non conoscere la Kinesiologia, ma che cosa mi interessa conoscere della Kinesiologia. Per questo motivo noi abbiamo sviluppato un programma che semplifica al massimo, per quanto possibile, le cose, e quindi mostra attraverso dei Corsi specifici, mirati, le applicazioni della Kinesiologia in ambiti specifici, che possono essere quelli della Gestione dello Stress, delle Difficoltà di Apprendimento, della Applicazione Sportiva, degli Aspetti Nutrizionali, o quant’altro. Diventa molto semplice, per chi ha interesse, apprendere quegli strumenti che sono di grande validità e praticità per un utilizzo nel suo settore, e se ha piacere di approfondire ulteriormente la Kinesiologia… Naturalmente è come suonare uno strumento, cioè un progresso infinito e indefinito, non c’è fine al migliorarsi, e la strada può essere molto lunga. Ma quello che è fondamentale capire è che anche degli elementi di Kinesiologia possono migliorare enormemente quello che è l’utilizzo di alcune conoscenze terapeutiche da parte di un operatore, o anche, semplicemente, quello che in generale è una abitudine di benessere di qualsiasi persona.

Radio Koper: Bene, io ringrazio Diego Vellam, Responsabile della Accademia di Kinesiologia, per essere stato con noi e per averci fatto conoscere più da vicino la Kinesiologia, quest’Arte rivolta alla salute e al benessere delle persone. Le auguro buon lavoro.

Diego Vellam: Grazie, buon lavoro anche a voi.

Radio Koper: E speriamo di risentici al più presto

Diego Vellam: D’accordo, senz’altro. Grazie. Saluti.

 

 

 

ritorno a inizio pagina



 

 

Home Page • Pagina Superiore

 

Copyright © 2000 Accademia di Kinesiologia
Numero di Partita I.V.A.: 03133180962
Sito aggiornato il: 13 giugno 2018